I GIOVANI E LA SOCIETA’: “QUANDO QUALCUNO CI FA SENTIRE DIVERSI…”

il colore dei capelli non ci rende "diversi"
il colore dei capelli non ci rende “diversi”

Non posso sempre biasimare la società che vorrebbe escludere noi giovani da tutto perché ai suoi occhi non siamo all’altezza: noi spesso ci meritiamo la disapprovazione con i nostri comportamenti.Ma, prima di incominciare a farci il problema di come ci giudica la società, dovremmo chiederci: “Sto bene con me stesso?”. Certo non riesco a capire perché ancora oggi, nel 2017,ci siano tante distinzioni sociali basate sul colore, sulla lingua, sulla religione o sul colore dei capelli, i tatuaggi, i piercing…Io non ho mai detto che siamo tutti uguali e mai lo penserò, sarebbe un’enorme offesa nei confronti di tutti; ma non capisco perché questo deve essere un problema.E’ vero,spesso le persone sono meschine e prive di intelligenza, ma la colpa dobbiamo darla per primi a noi stessi quando ci facciamo condizionare, trasportare e “gettare” a terra come se fossimo carta straccia,mentre dovremmo reagire e far capire a tutta questa “gentaglia” che solo noi siamo in grado di giudicarci e di esprimere opinioni su noi stessi, solo noi siamo in grado di dire cosa è giusto o sbagliato per noi. Siamo milioni nel mondo e, ripeto,non saremo mai, e dico mai!,tutti uguali ma non dovrà mai importarci niente della gente né degli sguardi né dei pensieri negativi o delle smorfie o di qualsiasi altra cosa:dovremo pensare in primis a noi stessi e poi a tutti gli altri. Non importerà mai niente se hai i capelli verdi o se pesi 40 chili; non dovrà mai diventare fondamentale il tuo orientamento religioso o sessuale:ognuno a modo suo è “speciale”! Io credo che nella società di oggi molti di noi non saranno mai accettati, ma io non mi sono mai “adeguata” a niente, voglio rimanere me stessa, con i miei mille difetti e con i miei pregi; sono sempre rimasta dell’idea che non importa come siamo esternamente, è importante ciò che abbiamo dentro. Nella vita non sarà mai più importante piacere agli altri di quanto sia importante piacere a noi stessi.
Asia Antonucci II A OTTICO

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required